Massaggio Tradizionale Tailandese

“Un corpo morbido, una mente serena”

Storia e Benefici:

Sono numerosi, nel massaggio thailandese, benefici e vantaggi per coloro che si sottopongono in modo regolare ai numerosi trattamenti previsti dalla disciplina. Il massaggio thai, infatti, non solo è in grado di stimolare il corpo a liberare l’energia contenuta e trattenuta al suo interno, ma permette anche di riattivare ed aumentare l’intera attività vascolare, elemento fondamentale per favorire la corretta e costante eliminazione delle tossine.

Ciò lo rende molto indicato per chi presenta patologie legate a nevralgie e lordosi. Non solo: la natura più profonda del massaggio thailandese fa sì che i suoi benefici siano sostanziali sia nei disturbi legati all’insonnia che in quelli, ancora più gravi, tipici della depressione.

Questo è vero già dalla prima seduta del massaggio rilassante di origine orientale: come avviene in un classico massaggio californiano, infatti, il corpo diventa disteso e la mente libera e limpida, priva di ogni pensiero negativo, pronta per affrontare tutte le sfide della quotidianità.

Ma oltre alle potenzialità rilassanti, il massaggio thai abbina un potere curativo concreto, migliorando le funzionalità a livello di sistema nervoso. In questo modo i benefici della pratica orientale rappresentano un vero toccasana in caso di dolori muscolari, contratture, tensioni emotive, sciatalgie, dolori cervicali e reumatici che, grazie al massaggio thailandese, possono essere alleviate nel giro di pochissimo tempo.

L’azione sulle articolazioni e sui muscoli, infatti, è decisamente efficace anche nei soggetti con sintomatologie acute. Inoltre, il suo potere stimolante sul sistema cardiovascolare aiuta anche a regolare la pressione cardiaca.

Grande merito va all’efficace azione che il massaggio ha sui canali energetici del corpo, chiamati tecnicamente Sen. La stimolazione sui punti focali, infatti, permette all’uomo di beneficiare degli effetti positivi sia a livello corporeo ma anche sulla mente, agendo al meglio contro le forme psicosomatiche di malessere.

Esistono casi, tuttavia, in cui il massaggio thai non deve essere praticato perché potrebbe andare a peggiorare patologie presenti o perché non compatibile con lo status corporeo: queste casistiche riguardano i soggetti che presentano ernia iatale, ipertensione arteriosa, disturbi cardiaci, fratture, infiammazioni acute e ferite, oltre a tutte le donne in stato interessante che potranno tornare a sottoporsi alle sedute thai una volta portata a termine la gravidanza.

È invece fortemente consigliato negli sportivi e negli atleti che svolgono, a livello agonistico e non, discipline aerobiche come ad esempio il calcio, il basket, e la corsa: il massaggio thailandese, infatti, è in grado di far diminuire il tempo di recupero necessario a riacquistare le forze corporee, grazie all’intensa attività rilassante a cui viene sottoposto il fisico.

 

Durata:  120 minuti

Prezzo:  110 euro

Copyright © A.S.D. La Via Del Loto 2017